Articles

Thom Zimny: Come ho Fatto ‘di Bruce Springsteen, Lettera’

Posted by admin

Questo off-the-bracciale momento presto di Bruce Springsteen, Lettera a Voi, il lungometraggio documentario sulla registrazione di Springsteen 20 album in studio — e la sua prima con la E Street Band in quasi sei anni — che dà ai fan un posto in prima fila per cinque giorni di sessioni che è successo sul Boss tenuta tardi nel 2019. Il risultato è stato un gruppo di demo sulla perdita, amici ormai lontani e come il passato non sia mai davvero fatto con te che, grazie a questi uomini e donne, diventano rock in buona fede & roll ballads e barnstormers proprio davanti ai tuoi occhi. È una straordinaria vetrina per ciò che questa” macchina ben oliata ” di una bar band e del suo frontman sa fare meglio.

Ma sono quei piccoli sbirciatine personali dietro la tenda, come Springsteen che si fa vertiginoso sulla neve e/o condivide una risata (e numerosi scatti di tequila) con i suoi collaboratori di lunga data, che fanno sentire questo film come se fosse molto più di un semplice bonus di making-of, e questo grazie a Thom Zimny. Un veterano editor che stato coinvolto con Springsteen campo, quando ha aiutato a montare un taglio del 2001 E Street Band ” film-concerto Live in New York City, il 55-anno-vecchio regista è diventato qualcosa di simile a una casa-operatore video per la leggenda del rock, la ripresa di tutto, dai video musicali di lunga e profonda immersione in Darkness on the Edge of Town (2010 è La Promessa) e Fiume (2015 The Ties That Bind), nonché l’acquisizione di Springsteen spettacolo di Broadway per Netflix.

Popolare di Rolling Stone

a Partire 2019 Occidentale Stelle, però, Zimny e Springsteen (che ha co-diretto) aveva iniziato la stratificazione di giocare con le digressioni filosofiche, scorci di paesaggi desertici e carichi di personale flashback di Bruce tumultuosa anni più giovane — è una performance, film girato a Springsteen, convertito fienile-cum-sala bar e un complemento visivo per i suoi album degli anni ’60 e ’70 in stile California pop. Con Letter to You, Zimny prende le cose ancora di più, filmando il cantante e la sua band dando a questi schizzi di canzoni il trattamento completo di E Street in bellissime immagini in bianco e nero che estendono le nozioni tematiche di guardare indietro e ringraziare. Capisce l’equilibrio personale e poetico che informa così tanto del recente lavoro di Springsteen. È come girare le pagine di un album in movimento, con paesaggi invernali per canzoni invernali (e la voce fuori campo confessionale e catartica di Bruce). È un’opera d’arte a sé stante.

YouTube Poster

Zoom-ing nel suo appartamento a Brooklyn pochi giorni dopo la Lettera a È iniziato lo streaming su Apple TV, Zimny aperto sulla sua lunga collaborazione con Springsteen, l’emozione di essere in camera E musicisti di Strada scavata nel loro parti, come egli si avvicinò con l’idea di girare questo in B&W e molto di più. Questa conversazione è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Hai lavorato con Springsteen, sia come artista solista che con la E Street Band, per anni — e molto li ha catturati dal vivo o guardando lavori passati. Ma con questo, tu eri lì mentre queste canzoni stavano prendendo forma. Quanto presto nel processo creativo hai inserito l’immagine? Bruce sapeva gia ‘ che voleva che lo filmassi?
Sì, con entrambe le stelle occidentali e Lettera a voi, sono stato lasciato nel processo molto, molto presto, che è stato estremamente utile al fine di ottenere un senso della musica. Perché la musica era ciò che mi avrebbe aiutato a determinare il linguaggio del cinema-come avrei cercato di atterrare visivamente accanto a queste grandi canzoni, con quei paesaggi sonori specifici e testi. Cerco di non ripetermi, e con Western Stars, avevamo questa tavolozza che proveniva davvero dal suono country-pop della West Coast di quel disco. Bruce e ho davvero guardato un sacco di fotografie trasmesso il calore del deserto e che ha raccontato quella storia.

Lettera a Voi è stata un’esperienza completamente diversa. Sono andato completamente nella direzione opposta dell’inverno. Penso che quello che è successo è che, ho avuto un senso nella fase iniziale del lato spirituale della musica di Bruce per questo album. E c’era questa mattina was ero nel suo bellissimo studio di casa che Patti ha progettato e c’era questa luce che si riversava attraverso una finestra. Ed è appena atterrato su questa tastiera vintage che sapevo che Danny aveva suonato. Sul lato di esso c’era questo pezzo di carta registrato che aveva canzoni elencate dal tour di Born in the USA, tutti questi preset, numeri e informazioni. E ho pensato, che bella cosa. Questo studio porta solo la storia completa della E Street Band. A quel punto ho appena avuto questa nozione di: Facciamo lo studio stesso un personaggio.

Come ha fatto il suo “pitch” a te, esattamente?
La discussione con Bruce può essere davvero riassunta parafrasandola in questo modo: “Sto portando i ragazzi in studio — perché non vieni? Forse possiamo filmare qualcosa, vedere cosa riesci a ottenere.”Non c’è un piano. Non si discute di temi. Il mio lavoro è arrivare e guardare e ascoltare. Ho potuto ascoltare i testi e raccogliere alcune idee e temi subito che mi ha detto che questo era un album che stava per riflettere i loro primi giorni di essere nei club e il potere di crescere con un pubblico dal vivo.

Ma proprio come la band, lo sto sperimentando per la prima volta proprio lì. Quando quel taccuino si apre, tutti stanno solo aspettando perché una nuova canzone di Bruce sta per entrare nel mondo, nella sua forma più pura e cruda di demo per la band. Poi stai guardando i ragazzi che camminano verso i loro strumenti dopo aver ascoltato la canzone una volta, forse due volte-e senza una vera discussione su “stai facendo questo, stai facendo quello” — e tutto ad un tratto, iniziano a suonare. Max ha questo ritmo. Gary ha il basso. Stephen e Nils calci in con quel suono delle loro chitarre. Roy inizia a suonare qualcosa. E poi arriva la voce di Bruce, e ora questa canzone che hai sentito come demo un secondo fa sta improvvisamente prendendo forma become ed è diventata una vera canzone della E Street band!

Quindi per me, questo film stava cercando di trovare una sorta di conservazione di questa cosa molto magica. A volte cade a posto, e altre volte le cose diventano chaotic un po ‘ più caotiche . Ma si vede tutti i membri che contribuiscono. Si vede tutta la potenza di quei 45 anni insieme. E vedete Bruce il leader della band, che interviene e dice: “Se vi siete persi, seguitemi.”

Stai inseguendo il Big Bang – il momento della creazione collettiva.
Ho avuto questo obiettivo che sì, è molto eccitante vedere questo momento Santo Graal dei ragazzi nella stanza creando. Ma volevo anche abbattere musicalmente quello che mi piace chiamare le qualità sonore cinematografiche della band – come è, diciamo, il glockenspiel e il sassofono suona giocando contro quei pezzi di chitarra che ti fanno andare, ” Sì, è E Street.”La magia di esso è esposta nel filmato grezzo perché si vedono i meccanismi interni. Vedete Bruce e la band comunicare con i loro occhi. Lo vedi mentre gesticola o dice: “Tieni il piano qui, prova ad entrare a questo punto…” Ed è quei piccoli dettagli che ti hanno davvero dato un senso della costruzione di una traccia. Per me, i piccoli momenti erano i più importanti.

Sai, non ha senso chiedere loro: “Allora, come è influenzata questa musica dalla British invasion?”Questo, per me, sarebbe un vicolo cieco. Ma guardare Bruce e Steven stare uno accanto all’altro in una tavola mista, ascoltare la propria riproduzione, sorridere, perdersi totalmente nel momento — e poi scoppiare in handclaps e voci che più tardi finiranno sulla canzone? Questo ti dice tutto ciò che devi sapere sulla lingua condivisa che hanno. E ‘ il massimo che si possa ottenere da un documentarista. Non è stato creato. Non era diretto. L’ho appena registrato. E racconta ancora una storia che sentiamo sul disco, e può vedere nella storia di questi uomini e donne.

 Bruce Springsteen demo nuove canzoni per la E Street Band in una scena da 'Letter to You.

Mela+

Vedi la band, sia collettivamente che come individui, in modo diverso dopo averli visti al lavoro in studio, lavorando queste canzoni da zero?
Ho sempre avuto un grande rispetto per questa band-ero un fan prima di avvicinarmi a loro nei concerti o nei video a cui ho lavorato. Ma la mia comprensione del loro potere di singoli giocatori è davvero cambiato dall’esperienza di stare in mezzo alla stanza, guardandoli sentire una canzone e quindi creare una nuova traccia in pochi secondi. Mi è piaciuto vederli venire alle sessioni perché è come guardare qualcuno andare su un ring di boxe. Sono felici, sono entusiasti di vedersi, ma poi una volta che Max si siede dietro quella batteria, è tutto concentrato sul rasoio. Voglio dire, filmare Max the la cosa piu ‘difficile e’ stato non avere tutte le mie telecamere puntate su di lui. Si potrebbe pensare che sarebbe una cosa Bruce, ma per me, è stato solo: Guarda cosa sta facendo Max!

Sto ascoltando la musica dispiegarsi, e sto pensando, ” Oh, che è un momento sonoro interessante. Quella cosa del basso che è appena successo o quella del pianoforte wow wow, quel bit Hammond B3 mi sembra molto classico E Street.”Così sto sussurrando rapidamente al mio cameraman per spostarmi e prendere la tastiera. Voglio assicurarmi di poter mostrare il maggior numero di elementi sonori della traccia nel modo più naturale possibile. E per di più, stiamo cercando di tenere il passo con Bruce, che sta organizzando e cambiando le cose a metà canzone. Penso che Max potrebbe entrare in qualcosa in questo momento, e poi Bruce lancia una palla curva perché ha appena guardato Max e gli ha indicato di fare qualcos’altro — e ora sono in un altro verso o sono tornati al coro. Non ci sara ‘ piu ‘ nessuna ripresa. Non c’è riproduzione. Ho solo una possibilita’.

Sembra intenso.
Sì, e non avevo idea che sarebbe stato così intenso. Sono stato intorno alla band quando stanno provando per uno spettacolo dal vivo o facendo parti isolate in studio — ma non ho mai avuto l’esperienza fino a questo film di vederli tagliare un intero album, dal vivo e nella stanza insieme. Mi è piaciuto vedere le loro espressioni di essere così felice nel momento. Volevo catturare quella sensazione. Questo non è un video musicale — Non mi sono preoccupato per la sincronizzazione. Volevo solo essere in grado di mostrare la faccia di qualcuno nel momento, godendo quello che stanno facendo. Perché c’era molta gioia in queste sessioni — e c’è molta gioia per me in questa musica.

È una bestia completamente diversa dal fare un film diretto-che è davvero ciò che Western Stars è, giusto?
Se guardi questi due film insieme, sono molto, molto diversi, sì. Il modello della narrazione voiceover è in qualche modo simile, ma in realtà la scrittura è molto diversa. E stavo lavorando con un certo tipo di spazio e carattere per le stelle occidentali. Eravamo in un fienile. Sta suonando queste canzoni dal vivo. Stai andando dopo una performance invece di, diciamo, un introito.

E con le Star occidentali knew conoscevo già le canzoni e sapevo cosa fare con la macchina fotografica. Ho avuto idee di, Oh, ho bisogno di avere una macchina fotografica tutta la strada indietro e poi entrare per queste corde perché quel suono lussureggiante mi sta portando avanti. Così ho studiato ogni pezzo di quella musica, ogni secondo di quella canzone. Bruce dice che questa linea, ho bisogno di essere in primo piano. Ti stai sintonizzando su ciò che sta accadendo sul palco, ma hai anche il vantaggio di essere preparato.

Ma quando ho avuto modo di lettera a Voi — è davvero saltare fuori da un aereo . Perche ‘ non conoscevo la musica. Non sapevo cosa aspettarmi, o come sarei stato in grado di tenermi fuori dai piedi. Quello che dovevo fare era mantenere un elemento del linguaggio del cinema ma anche ascoltare quello che sta succedendo in questo momento.

Puoi dare un esempio di quando qualcosa del genere ha dato i suoi frutti?
Ok, quindi, a un certo punto, Bruce sta parlando della sua chitarra. Che significa? Beh, ha appena fatto una canzone intitolata ” Last Man Standing.”Ora sta parlando della chitarra che aveva George. Sto pensando, questo è qualcosa. “OK, dammi la reazione di Steve. Capito? Ora resta su Bruce.”Perché sono arrivato a questo come editore e nel momento in cui stiamo catturando tutto questo, sto mettendo insieme come immagino che suonerebbe. Quindi sto sussurrando al cameraman, rimani su Steve, sapendo che avrà una risposta visiva. Stavo guardando svolgersi e anche cominciando a modificarlo negli occhi della mia mente nel momento.

In quale fase iniziale del processo hai deciso che avresti girato questo in bianco e nero?
In realtà, faceva parte della prima conversazione che ho avuto con Bruce. Ecco come è iniziato davvero.

Mi aveva chiamato un giorno e mi aveva detto: “Vieni questa domenica, andremo in città e ceneremo con alcuni amici e familiari. Ci piacerebbe che ti unissi.”Sono arrivato un po’ presto, quindi prima di uscire, Bruce ed io siamo andati fuori, seduti vicino a questo fuoco che stava andando, e lui ha detto, ” Ho intenzione di riunire i ragazzi e registrare un album per una settimana. Perché non lo film? Sarà divertente, vediamo cosa possiamo ottenere.”Mi ha detto che una delle canzoni si chiamava” Last Man Standing “e che era un po’ un cenno verso i Castili. Mi ha suonato alcune canzoni dei Beatles e dei British Invasion, abbiamo bevuto un drink … e io non ho detto niente, lui non ha detto niente. Ci siamo appena seduti accanto al fuoco.

Poi ho guardato oltre, ed è stato questo giorno perfettamente grigio New Jersey. C’era una luce molto morbida — e all’improvviso l’ho vista in bianco e nero. Ho pensato, Questo film è in bianco e nero. Non ho mai guardato indietro. Dal momento in cui sono arrivato “sul set” il primo giorno, stavo guardando tutto — la luce in studio, gli strumenti, le ombre sulle pareti — nei toni del bianco e nero. Ho persino usato lenti vintage che funzionavano davvero con un tocco leggero. Amo l’idea che la luce sia fonte e ispirazione di guarigione. Volevo che fosse molto simile ai film classici degli anni ‘ 70, ma con un senso più spirituale.

Thom Zimny, direttore di ‘ Lettera a Voi.”

Rob DeMartin*

E gli scatti di paesaggio?
Il bello è che Bruce così Bruce, il primo giorno di riprese, riceve un messaggio da sua sorella Pam. Puoi vederlo controllare il suo telefono nel film, poi guarda fuori e, ” Sta nevicando, sta nevicando!”mean Voglio dire, mi piace che sia così eccitato. Non perdi mai quella cosa di vedere la neve fuori dalla finestra. Non importa quanti anni hai. Ma fu allora che ho iniziato a pensare, Forse sarebbe stato interessante giocare con le immagini della neve. Questo si adatta a come ha parlato delle canzoni, sai.

Così ho inviato a Bruce alcune immagini stock di snow, mi ha mandato indietro questa traccia voiceover — e poi ho capito che ero su qualcosa. Ho avuto il mio direttore della fotografia, Joe DeSalvo, lavorare con me per trovare i paesaggi giusti, lo sguardo giusto, le lenti giuste per girare questo. Forse il punto di vista dell’occhio di Dio che guarda in basso, la cinematografia in bianco e nero e la vista di questi alberi sterili potrebbero trasmettere alcune delle parole e dei sentimenti che stavo ascoltando nella sua narrazione. All’improvviso, sentivo il film prendere forma. Quei boschi sono diventati uno spazio spirituale che ha funzionato perfettamente con i pensieri di Bruce sui molti temi nelle canzoni: vita, morte. invecchiare, paura, accettazione. Tutto ciò che sembrava giocare così bello contro quelle immagini in bianco e nero della natura in inverno. Tutto ciò sembrava giocare nel mondo dei sogni delle parole di Bruce.

Era la potenza dello studio — che mentalmente ho soprannominato nella mia testa “the house of a thousand guitars” — che volevamo trasmettere. Ma questo mi ha anche dato il vantaggio di andare fuori dallo studio e trasmettere un senso di un potere superiore anche lì.

Come descriveresti il tuo rapporto di lavoro con Bruce dopo 20 anni?
Quello che ho nella collaborazione con Bruce, in realtà, è un senso di fiducia. E la fiducia che mi dà mi permette di avvicinarmi il più possibile per entrare dentro le parole e la musica. Se non avessi questa fiducia, non sarei in grado di correre rischi. E le probabilità che ho preso con Letter to You probabilmente sono state le più grandi e le più soddisfacenti perché ho avuto modo di registrare il processo. Ho avuto modo di provare visivamente a rappresentare le idee che stava esplorando in quelle canzoni.

Ero un editor quando ho incontrato Jon Landau e Bruce nel 2000, ma sapevo che questi ragazzi stavano trasmettendo un livello di dettaglio nella narrazione che morivo dalla voglia di avvicinarmi. E sapevo anche che questo tizio che cantava sul palco era lo stesso che ha raccontato tante storie potenti che hanno influenzato la mia vita. Il modo in cui ho intensificato fino a diventare un regista non era perché qualsiasi grande conversazione, ma in un modo che era puro, classico modo Bruce. Ha appena detto, ” Ehi, voglio fare qualcosa su Born to Run.”E questo era tutto. Sapevo che forse avrei avuto la possibilità di imparare molto sul mestiere del cinema e della narrazione semplicemente stando vicino a quei ragazzi.

Il cerchio completo di tutto questo è: Ho 16 anni e stavo guardando l’album River, tiro fuori la manica e vedo Jon e Bruce, e sono andato: Chi sono questi ragazzi? Cosa fanno? E ora sono atterrato a 55 e am ti questo luogo di essere in grado di raccontare questa storia su quello che fanno, e anche l’amore e le forze creative dietro queste relazioni. Quindi sono enormemente grato di averlo. Ma potrei immaginarlo a 16 anni? E ‘too l’idea e’ troppo fun troppo funky. Ma sai, quando ricevero ‘quella telefonata da Bruce, non sapro’ mai dove mi portera ‘ la prossima volta. E parte dell’eccitazione è non sapere.

Related Post

Leave A Comment