Articles

Teach Writers Ekphrastic Poetry with The Starry Night

Posted by admin

La notte stellata di Vincent van Gogh offre arte mentore per insegnare agli studenti sulla poesia ekphrastic.

I testi mentor sono stati a lungo utilizzati per modellare le tecniche di scrittura. L’arte del mentore può anche essere usata per ispirare, insegnare e perfezionare la scrittura degli studenti. Mentor art ha il vantaggio di affrontare diversi stili di apprendimento e fornire supporto visivo agli studenti di lingue. L’arte del mentore è particolarmente adatta quando si introducono i tuoi studenti alla poesia ekphrastic. Una ricerca su Google offre una vasta gamma di risorse generali e lezioni sulla poesia ekphrastic. Questa lezione fornisce un introito leggermente diverso utilizzando una vasta gamma di risorse intorno a una singola opera d’arte— La notte stellata di Vincent van Gogh.

Che cos’è la poesia ekphrastic?
Ekphrasis è liberamente tradotto dalla parola greca per ” descrizione.”Un poema ekphrastic è una vivida descrizione di un’opera d’arte in cui il poeta può amplificare ed espandere il suo significato. Mentre i primi poemi ekphrastic si basavano quasi esclusivamente su descrizioni dettagliate dell’arte, i poemi ekphrastic moderni interpretano, abitano, affrontano e parlano all’arte o all’artista.

Van Gogh Starry Night ekphrastic poetry profile

Poiché la poesia ekphrastic nasce dalla comprensione intima di uno scrittore di un’opera d’arte, è particolarmente importante lasciare che gli studenti sperimentino un’opera d’arte secondo i propri termini prima di usarla come arte mentore. Questo link offre mosse di insegnamento e lingua per introdurre gli studenti a La notte stellata di Vincent van Gogh. Questa immagine del MoMA ti consente di ingrandire il dipinto, permettendoti di vedere dettagli squisiti.

1. Analizza “Vincent” di Don McLean

Sottolinea e discuti: Don McLean è stato ispirato a scrivere “Vincent” (Notte stellata stellata) dopo aver letto una biografia di van Gogh.

Questa analisi è adatta poiché McLean ha visto paralleli tra musica e poesia. Come ha spiegato sul Regno Unito spettacolo Songbook,

La musica è come la poesia in tanti modi. Hai spirito e dramma e umorismo e pathos e rabbia e tutte queste cose creano gli strumenti sottili che un artista, un artista teatrale, uno buono, usa. Purtroppo, questo è davvero andato fuori della musica completamente. Quindi rende qualcuno come me una reliquia, perché sto facendo cose e persone come me stanno facendo cose che utilizzano tutti i classici mezzi di espressione emotiva.

Questa canzone ha una serie di punti di ingresso per sostenere la discussione.

  • Il video Don McLean – Vincent (Starry, Starry Night) con testi fonde i dipinti di van Gogh con la colonna sonora e i testi di McLean.
  • Intervista di Helen Brown con Don McLean “Perché ho dovuto scrivere ‘Vincent’.” Telegraph. Febbraio 24, 2010, descrive il pensiero e lo stato emotivo che ha ispirato McClean a scrivere ” Vincent.”Questo articolo descrive anche come la canzone di McLean riecheggi la sensibilità pittorica di van Gogh.
  • Il sito web di Don McLean offre maggiori informazioni sulle motivazioni di McLean e sui video correlati

In che modo “Vincent” parla all’artista e all’opera d’arte?

Turn, Talk, and Report Back (Possibili risposte: I testi di McLean riecheggiano la biografia che lo ha ispirato a scrivere “Vincent.”Mentre fa riferimento specificamente Alla Notte stellata, include anche riferimenti ad altre opere e eventi della vita. McLean esprime simpatia per la malattia mentale di van Gogh che lo ha fatto ” soffrire per la sua sanità mentale.”Un filo bipolare che passa dalla malinconia all’estasi percorre tutta la canzone. McLean celebra anche l’inclinazione creativa di van Gogh e la sua attenzione per gli oppressi e trascurati- ” i volti esposti al dolore / sono leniti sotto la mano amorevole dell’artista.”Lo stile pittorico di Van Gogh e la sua attenzione alle semplici bellezze della vita sono evocati in testi come” flaming flowers that brillantemente blaze”,” swirling clouds in violet haze “e” morning fields of amber grain.”La canzone di McLean incoraggia gli ascoltatori a guardare van Gogh con simpatia e timore reverenziale. Mentre soffriva di una malattia mentale, ha anche cercato di aiutare le persone a vedere la bellezza nelle esperienze quotidiane che diamo per scontate.)

2. Analizza le poesie ekphrastic ispirate a “La notte stellata” di Vincent van Gogh.”

Indicare e discutere: Qui ci sono altri quattro Notte stellata ispirato poesie ekphrastic. Considera come ogni poeta usa diversi tipi di poesie ekphrastic per rispondere creativamente all’arte e all’artista.

  • Nel suo poema “Starry Night”, il rapper Tupac Shakur parla a van Gogh come uno spirito affine, entrambe anime creative socialmente consapevoli ignorate dalle loro comunità indifferenti. Nota l’uso regolare della seconda persona. Tupac rispetta la purezza della spinta creativa di van Gogh. Oltre a identificarsi con van Gogh, Shakur aveva un affetto speciale per la canzone di McLean ” Vincent.”
  • Riflettendo il suo tipico stile confessionale, “The Starry Night” di Anne Sexton vede il mondo attraverso gli occhi tormentati di Van Gogh. Il suo desiderio è il suo desiderio. Il suo squilibrio emotivo e psicologico è è il suo squilibrio emotivo e psicologico. E alla fine, il suo suicidio è il suo suicidio. La morte e la ricerca del divino si mescolano nei cieli notturni. Ascolta Anne leggere la sua poesia qui.
  • “La notte stellata” di Robert Fagles immagina i pensieri inquieti e inquietanti di van Gogh mentre dipinge. Nota l’uso della prima persona. Fagles evoca la visione del mondo di van Gogh mentre combatte i suoi pensieri oscuri e la follia strisciante. Egli guarda al cielo per l’intervento divino e la pace.
  • W. D. Snodgrass’ “Van Gogh:’ La notte stellata ‘” è il più visivamente descrittivo e sperimentale di questi cinque poesie ekphrastic. Il poema, che contrasta il cielo notturno dinamico con il tranquillo villaggio, è organizzato in quattro parti distinte: il villaggio, il cielo notturno, le montagne e il cipresso. Oltre a descrivere le parti del dipinto, Snodgrass ricostruisce linguisticamente il dipinto. È possibile riconoscere immediatamente i tre passaggi che descrivono il villaggio per la loro regolarità. Le linee intorno alla città sono simmetriche, ordinate e ripetitive. Le parole sono pesanti, assonnate e comuni. Come le pennellate di van Gogh, le linee intorno al cielo sono vorticose, energiche e irregolari. Nota come le parole inducono il lettore a respirare raffiche come le stelle pulsanti. Le linee sulle montagne e il cipresso ondulano come le forme stesse. Inoltre, Snodgrass utilizza il tipo corsivo per integrare estratti dalla lettera di van Gogh in tutto il poema. Attraverso il testo trovato, la scelta espressiva delle parole e la tipografia strategica, Snodgrass trasforma la notte stellata in un altro mezzo.
  • La romanziera giapponese Aoko Matsuda (The Southern Review—Winter 2019) offre una prospettiva completamente diversa sulla “Notte stellata” di Van Gogh.”Nella sua missiva, una bambina descrive la sua vita nel villaggio sotto i vortici di luce e come condivide la notte stellata con uno sconosciuto (Vincent) che guarda il suo villaggio da una collina vicina.

…Mi giro e guardo distrattamente nella direzione del fantasma dell’albero, una fiamma verde bottiglia spenta in lontananza, ed è allora che noto per la prima volta la persona. Sono in piedi alla finestra di un edificio sul lato opposto del fantasma dell’albero, guardando in questo modo. La luce della loro stanza, l’unica illuminata in tutto l’edificio, individua la loro forma oscura contro il telaio della finestra. In realtà non possono guardarmi, penso tra me e me, ma stanno sicuramente guardando il mio villaggio…. / Il viaggiatore e io stiamo uno di fronte all’altro, non muovendoci affatto. Alzo una mano e provo a sventolare, anche se sto pensando per tutto il tempo che probabilmente non sarà in grado di vederlo.Dopo una piccola pausa, l’uomo alza la mano e mi saluta.…

3. Come useresti la poesia per interpretare, abitare, confrontarsi e parlare con un’opera d’arte?

Identifica un’opera d’arte che risuona con te e rispondi ad essa utilizzando una delle seguenti strategie. Questo sito offre esempi aggiunti e ispirazione.

  • Descrivere la scena o il soggetto raffigurato.
  • Descrivi la scena oltre il momento mostrato o appena oltre il fotogramma.
  • Descrivi la gamma di sensi o emozioni nella scena.
  • Scrivi nella voce di un personaggio o di un oggetto nell’opera d’arte.
  • Scrivi nella voce dell’artista.
  • Parla con l’artista di un interesse o di una preoccupazione condivisa.
  • Relazionare l’opera d’arte a una comprensione personale o a un evento attuale.
  • Scrivi dell’esperienza di guardare l’arte o di come gli altri rispondono ad essa.

Related Post

Leave A Comment