Articles

Comprendere l’aridità spirituale come un dono

Posted by admin

Di Catherine O’Connell

La mia esperienza di aridità spirituale è stata frequente. Quando questo tempo di fede mi colpisce, le mie preghiere sembrano essere perse nel vuoto, non ascoltate da Gesù. Vado a Messa per pura forza di volontà. Sono solo, non solo perché mi sento distante da Dio, ma anche perché sembra che i miei amici abbiano una connessione soprannaturale con il Signore di cui sono incapace. Mi sento non solo asciutto, ma freddo e buio.

Inutile dire che preferirei essere in ritirata. Sono venuto a sapere che questo tempo di apparente separazione non è invano, e ho due analogie che mi hanno dato consolazione e speranza.

La mia famiglia ha un cane di nome Mozzie. E ‘ furbo. Sa che se fa qualcosa di buono, riceverà una sorpresa. Tuttavia, questo significa che se non ho formaggio o burro di arachidi non vede il punto di ascoltare. Soprattutto se c’è un pezzo di spazzatura particolarmente gustoso.

Il fatto è che Mozzie non è in grado di capire che i sacchetti di plastica non sono buoni per lui, anche se sono divertenti da mangiare. Quando fa quello che chiedo, lo fa per la ricompensa. Questo non vuol dire che non sia affettuoso o protettivo, ma è chiaro per me che data la scelta tra i miei comandi e la gustosa spazzatura, prenderà la spazzatura.

Cosa c’entra questo con l’aridità spirituale? Sacco. Come esseri umani, possiamo fare cose di cui gli animali domestici sono incapaci. Possiamo imparare razionalmente che qualcosa è male per noi e scegliere di non parteciparvi, anche se è super allettante. Cose come sigarette e patatine fritte. Possiamo anche abbassare le cose che sono buone-come il sesso o la carne-per qualsiasi numero di motivi. C’è ben poco che posso fare per comunicare a Mozzie che mangiare un sacchetto di plastica può soffocarlo. Tuttavia, ci sono molti modi per Dio di dirmi che spettegolare sta soffocando le mie amicizie. Inoltre, ho la capacità di capirlo e scegliere di cambiare il mio comportamento.

Tutti quei sentimenti caldi e sfocati che riceviamo dal Signore sono cose buone, e sono reali. Ma sono un po ‘ come dolcetti. Essi possono mostrare come Dio si sente per noi, o semplicemente che egli esiste. Ci aiutano ad aspettarci cose buone dal Signore. A differenza di tratta, quelle esperienze sono non guadagnati, dato da un padre che è pazzo per le sue figlie.

Tuttavia, dobbiamo ancora imparare ad agire per amore di Dio e non per sentirci tutti caldi e confusi. Questo è uno degli scopi dell’aridità spirituale: concedendo più tempo tra i sentimenti, stiamo costruendo la fiducia nel Signore invece di dipendere dai sentimenti.

L’aspetto più bello di questo, tuttavia, è che ci permette di esercitare il nostro libero arbitrio. Fare come Dio chiede, senza ricompensa o sentimenti di piacere, è il modo in cui impariamo ad amare. Come disse Gesù, è facile amare quelli che ti amano. Ma amare coloro che ti odiano – prendersi cura delle persone che ti hanno ferito – è l’atto più incredibilmente difficile, ma perfettamente umano. Trattenendo questi meravigliosi sentimenti, Dio rispetta il tuo libero arbitrio. Egli vi sta dando la possibilità di amarlo e servirlo senza ricompensa in modo che le vostre intenzioni non sono vincolati da “prelibatezze.”Potete sapere che servite il Signore perché lo amate, non perché siete assuefatti o dipendenti da un alto ritiro.

La lezione principale qui è che sperimentiamo l’aridità spirituale non perché siamo puniti o perché abbiamo meno fede delle persone intorno a noi. Perché il Signore costruisce con noi una relazione fondata sulla fiducia reciproca e sulla scelta dell’amore. Questa analogia cucciolo è utile per spiegare come secchezza spirituale ci colpisce individualmente. Ma Dio ha piani più grandi.

Quindi, parliamo di fuoco.

Hai mai costruito un incendio? Intendo un falò, non un grill a gas o una candela di compleanno. Per prima cosa, hai bisogno di una specie di accensione. Poi alcuni bastoncini secchi di varie dimensioni. Accendi il fuoco usando solo l’accensione e i bastoncini più piccoli, aggiungendo quelli più grandi man mano che il fuoco cresce. I registri effettivi vengono salvati per ultimo.

Soprattutto, se l’accensione e i bastoncini sono bagnati, non si accendono. Il legno secco è indispensabile per accendere un fuoco.

Penso che tu possa vedere dove sto andando con questo.

Ci vuole legna secca per accendere un fuoco, ma come Gesù ha voluto il mondo era già ardente. Quelle stagioni di aridità spirituale sono modi in cui Dio può costruire un fuoco in noi. E ‘ un dono di legno secco.

Ma il fuoco non fa per noi.

Per quanto mi piaccia i fuochi da campo, non li costruisco per me stesso. Li costruisco per gruppi per banchettare con hot dog e marshmallow, per raccontare storie. Quando condividi il tuo fuoco, la tua testimonianza di ciò che Dio ha fatto per te, non perdi nulla. Una piccola candela di compleanno potrebbe accendere altre 100 candele e non perdere mai la propria fiamma. Perde solo carburante. È lo stoppino che si esaurisce, non il fuoco.

E così i giorni di aridità spirituale si trasformano in mesi o addirittura anni. Ancora una volta, questo non è fatto per punizione, ma per amore. Ci vogliono dei tronchi piuttosto grandi per costruire un falò. Il fuoco dell’amore di Dio è meraviglioso e inestinguibile, ma ha bisogno di carburante per bruciare. Quel fuoco in te brucia non per te stesso, ma per guidare ogni persona che conosci verso il cielo.

La vostra fede in Dio, nonostante la distanza che sentite, è uno dei testimoni più potenti che abbiamo. Il vostro continuo servizio al Signore e la fiducia nelle Sue promesse (anche se devono ancora venire a compimento) è di per sé una luce per le persone intorno a voi. Una luce al cielo.

Se sei in fiamme, puoi aiutare Gesù a dare fuoco al mondo.

Related Post

Leave A Comment